Tag

, , , , ,

ll 5 Ottobre si è spento a Neuilly-sur-Seine, a pochi chilometri da Parigi, il regista Claude Pinoteau a 87 anni. 31 film come aiuto regista, 13 come regista, dai generi più disparati, compreso il polar L’uomo che non seppe tacere con Lino Ventura, eppure il suo nome sarà legato sempre ai due capitoli de La boum ovvero in Italia Il tempo delle mele. Esistono film che diventano simbolo di un’epoca, questo è il caso della commedia di inizio anni 80 che celebrò il successo della divetta Sophie Marceau sulle note di Reality cantata da Richard Sanderson. Il film fu modello per tanti film a venire e senza di esso probabilmente Moccia non sarebbe diventato l’autore di tante storie teen a cavallo tra sentimento e pedofilia. In Italia il successo dei due Il tempo delle mele fu così stratosferico che la commediola L’étudiante sempre diretta da Pinoteau con una cresciuta (e strabellissima) Sophie Marceau divenne Il tempo delle mele 3, ma della protagonista Vic Beretton non c’era traccia. Che il suo cinema, molte volte leggerissimo, potesse piacere o meno, è comunque indiscutibile che Pinoteau sia stato uno dei registi francesi più significativi degli anni 80. Che la terra ti sia lieve, Claude.