Tag

, , , , , , , , ,

A molti il nome di Photina Lappa non dirà niente, ma è il vero nome di un’attrice e showgirl di origini greche, Tinì Cansino, una tra le bellissime della tv italiana anni 80. Fisico statuario, accento buffo da straniera, finta parentela con  l’attrice Rita Haywoth, alla quale molti dicevano assomigliava, Tinì arrivò nel nostro Paese da giovanissima, a 19 anni, e fu subito notata da un talent scout, Alberto Tarallo. La sua carriera al cinema ebbe tanti bassi, filmacci come il Delizia di Massaccesi o Ad un passo dall’aurora di Mario Bianchi, tratto niente poco di meno che da Doppio sogno di Arthur Schnitzler. Interpretò però Sella pezzata in un cult movie dell’infimo, l’osceno Arrapaho di Ciro Ippolito, a tutt’oggi la sua migliore prova, sicuramente quella di maggior fama. Anche se Tinì dai capelli rosso fuoco come l’atomica Gilda sarà per sempre nei cuori degli italiani per essere stata la più sexy tra le  femmine calde del Drive In. Purtroppo gli anni furono ingenerosi per la nostra bella greca che cadde presto nel dimenticaio. Ora, come in un pessimo horror raccapricciante, Tinì Cansino si è riciclata come opinionista per Uomini e donne over 40, non prima di avere pianto per non essere stata scelta come concorrente per L’isola dei famosi. Peccato Tinì avresti meritato di più, davvero.