Tag

, , , , , , , , , , , ,

Non abbiamo proprio niente di meglio da fare, il giorno della vigilia di Natale, che scrivere una recensione? E poi che recensione:Apocalisse a Frogtown! Perchè? Me lo chiedono anche i miei clienti che mi trovano sempre impegnato a scrivere, (recensioni,racconti,saggi politici), invece che occuparmi di giornali e ricariche.

frog01

E avete anche ragione a domandarmi, ma cavolo arriva Natale e tu scrivi una cosa che parla della fine del mondo? Dove sta lo spirito spielberghiano dello stuporismo e  ottimismo un tanto al chilo, che tanto siamo americani e siamo buoni buoni buoni in modo assurdo? C’hai ragione, bro! Però dimentichi che per anni ci hanno rotto le palle con sta fine del mondo,che deve arrivare. Io mi aspettavo che arrivasse il Baffone, era anche il suo compleanno e invece….Nisba!

Comunque sia credo che questo filmetto meriti la nostra attenzione,perchè è il tipico prodotto da vedere con gli amici: una birra, patatine, tante risate in compagnia.. Attenzione, non voglio fare l’intellettuale popolano dei Parioli che osannano alla cazzo di cane ogni schifezza perchè è “Traaaaaaaaashhhh uuuuuu!”, non scriverò quindi che la pellicola è imperdibile, assolutamente da vedere e che peste vi colga se lo doveste perdere. No,non arriverò mai a tanto.

frog05

Però ve lo consiglio come visione nel segno del disimpegno,comunque sia è una pellicola che si lascia guardare e pare anche una intenzionale parodia del genere post apocalittico.

Cosa racconta codesta pellicola? Quale il suo contributo alla cinematografia mondiale?

Una guerra atomica ha fatto tabula rasa del genere umano. Pochi sopravvissuti, città devastate,e terribili mutazioni che hanno trasformato le rane in pericolosi e mattacchioni mutanti.

L’eroe si chiama Sam Hell, un vagabondo che vorrebbe farsi gli affari suoi che principalmente sarebbero: copulare con tante donne e cazzeggiare. Solo che mette le mani sulla donna sbagliata e finisce nei guai. Grandi, grossi guai. Così seppure riluttante deve accettare una missione che gli viene affidata da una avvenente dottoressa, ( e te pensi che entriamo nei territori amabilissimi della porno parodia, ehhhhh….), cioè salvare alcune donne rapite dalle rane mutanti .

frog07

Il fatto è che Sam è l’unico uomo rimasto fertile e quindi dovrebbe servire alla riproduzione del genere umano,(che brutta roba vero?), e così parte riluttante verso la sua missione

Scortato dalla procace dottoressa panterona bionda e da una lesbo-ninfo soldato, il nostro eroe passa mille avventure prima di liberare le donne.

Diciamo che la materia di per sè drammatica, viene riveduta e corretta attraverso un tipo di umorismo alla Casa Vianello, visto i bisticci tra i due protagonisti che di fatto sono l’ossatura della trama e del film. Posso dire che non succede nulla fino al finale? Ma si,è così e allora? Ci son trovate esilaranti, ve ne dico una: il nostro Hell è collegato a un dispositivo che, qualora lui scappasse, esploderebbe. Bene secondo voi dove l’hanno posizionato? Si , proprio lì. Povero, unico uomo fertile che potrebbe vedersi scomparire la sua bacchetta magica  Funziona però anche se è infoiato e infatti la dottoressa l’aziona quando l’arrapante donna soldato decide di intrattenersi con il povero Sam.

Le Rane, paiono i fratelli tamarri di Kernit, sai il simpatico anfibio dei Muppets Show.

frog09

Film strano, oggetto di culto in America- ma sulle loro facoltà intellettuali ho sempre dubitato- girato addirittura da due registi- dicasi due eh- è un filmetto allegro e di puro intrattenimento, basso intrattenimento.

Notevole l’autoironia del protagonista Roddy Piper. Poi sarebbe passato alla storia con il capolavoro di Carpenter: Essi Vivono

Gustatevelo,comunque e pensate: unico uomo fertile con tante donne da ingravidare ..wow!

Davide Viganò

Apocalisse a Frogtown

Titolo originale: Hell Comes to Frogtown

Anno: 1987

Regia Donald G. Jackson

Cast: Roddy Piper, Julius LeFlore, RCB, William Smith, Sandahl Bergman, Eyde Byrde, Lee Garlington, Cec Verrell, Suzanne Solari, Kristi Somers, Rory Calhoun, Cliff Bemis

Durata: 90 min.

frogtown