Tag

, , , , , ,

“Era giovane. Era bellissima. E Lei gli era accanto!”

“Vive alle porte dell’l’inferno.”

“E’ giovane, è bella, è la prossima…”

“Condannato a custodire le porte dell’inferno per sempre”

“Ci deve sempre essere un Guardiano Alle Porte dell’Inferno…”

Frasi di lancio originali del film.

2103710_720x405

Det. Gatz/Eli Wallach :- “Bene, bene, bene. Lei dispone di un effetto nocivo sulle donne, signor Lerman.”
Michael Lerman/Chris Sarandon :- “Questo non è un affare della polizia.”
Det. Gatz :- “Una ragazza che corre per le strade alle 4:00 di notte e va dicendo che lei ha accoltellato il padre, il sangue su di lei … credo sia attività della polizia.”
Michael Lerman :- “Sa come sta la ragazza, Gatz. Lei lo sa come sta.”
Det. Gatz  :- “Non l’ho visto, non in quanto a sua moglie Karen … “Suicidata”.
Michael Lerman :- “Non c’è bisogno di scavare troppo in profondità.”
Det. Gatz :- [sarcastico] “Chiuso, chiuso. chiuso. Il caso è chiuso.”

Michael Lerman :- “Va tutto bene. Ascolta, ascolta. Io so tutto ora. Quel che hai letto in quel libro in latino era un avvertimento antico dall’angelo Gabriele all’ angelo Uriel.”
Alison Parker/Cristina Raines :- “Michael, di che cosa stai parlando?”
Michael Lerman :- “L’angelo Uriel era di stanza alle porte del Paradiso a guardia dal diavolo. Da allora una lunga serie di guardiani … sentinelle, hanno custodito il mondo contro il male. In questo momento è al piano di sopra, Padre Halliran. Ma stasera qualcuno deve diventare la sentinella successiva. Tutte le persone che hai visto qui, il vecchio, le lesbiche … tutti sono reincarnazioni. Diavoli. L’unico modo per fermare la nuova sentinella è quello di fargli commettere suicidio. Questo è quello che stavano cercando di fare.”
Alison Parker :- [con crescente paura e terrore] “Michael? Io non …”
Michael Lerman  :- “Non capisci? Sono morto. Sono stato ucciso poco fa da monsignor Franchino per aver tentato di strangolare Padre Halliran. Che io sia dannato all’Inferno per l’eternità per i miei peccati. Per avere commesso l’omicidio di Brenner e di mia moglie in modo da poter stare con te. E per l’uccisione di Brenner sono rimasto legato, in sospeso. Io sono uno della legione dei morti!”

Det. Gatz  :- [guardando vecchie foto segnaletiche della polizia] “Rebecca e Malcolm Stinnett. Andate. Gerde Engstrom. Emma e Lillian Clotkin. Anna Clark. Tutte le persone che la ragazza Parker ha detto di avere incontrato.”
Det. Rizzo/Christopher Walken :- “Tutti assassini, tutti morti. E’ andata a una festa con otto assassini morti.”
Det. Gatz :- “Non tutti?”

Michael Lerman :- “Guarda questo. William O’Rourke. Padre Halliran? William O’Rourke, scomparso il 12 luglio 1952 dopo il tentato suicidio.”
Perry/William Hickey :- “Sono lo stesso uomo. William O’Rourke divenne un sacerdote di nome Halliran.”
Michael Lerman :- “Sì, ma perché?”
Perry :- “Le  porte furono appena aperte.”

Miss Logan/Ava Gardner  :- “Trovo che i newyorkesi non hanno alcun senso per niente a parte che per  il sesso e il denaro.”
Alison Parker :- “Beh, credo che ci sia qualcosa da dire su questo.”

vlcsnap00026i

“The Sentinel” secondo il titolo originale,  fu uno dei film più estremi tra quelli realizzati negli anni settanta all’interno del  filone satanico sulla scia dell’enorme successo de “L’Esorcista”, e chi poteva dirigerlo se non uno dei registi più estremi di suo, ovvero Michael Winner, scomparso a Londra lo scorso 21 gennaio all’età di 77 anni e in onore del quale viene stesa questa recensione.
Winner era soprattutto il regista di fiducia di Charles Bronson, con il quale realizzò tre anni prima di “Sentinel” il suo più grande successo, ovvero il “Il Giustiziere della notte”(Death Wish), del quale avrebbe diretto anche due seguiti.
“Sentinel” è sempre stato un film maledetto, in Italia non è mai uscito nell’ home video altrimenti che nella vecchia videocassetta CIC Video, prima a nolo e all’inizio degli anni novanta anche per la vendita; e altrimenti non mi ricordo neppure di suoi passaggi televisivi, almeno in epoca pre- digitale; “Sentinel”  è tutt’ora reperibile in dvd unicamente all’estero come negli Stati Uniti dalla Universal, e in un’edizione molto più integrale di quella uscita allora nei cinema italiani, e comunque vietata ai minori di 18.
E’ un film che lo si può anche iniziare a guardare come se si trattasse in base al presupposto di una delle solite storie su una tipica casa infestata. Ma “Sentinel” è molto più di tutto questo. Possiede prima di tutto un cast impressionante, e alcune immagini che portano ad aver precorso alcune molto simili nei film successivi di Lucio Fulci, “Sentinel” è  infatti decisamente un grande classico dell’eccesso veramente spaventoso per lunghi tratti,  in Italia abbastanza dimenticato se non agli appassionati, il quale invece meriterebbe di una riscoperta ad un pubblico ben più vasto.

vlcsnap00012___JOP3JehWvD
La storia segue Alison Parker (la bella Cristina Raines), una modella con un passato travagliato. Vive con il fidanzato Michael(Chris Sarandon), ma ha deciso di prendere una casa tutta sua. Prima che Alison riesca a trovare un nuovo appartamento, il padre muore. Questo la porta ad alcuni ricordi inquietanti che continuano a perseguitarla dopo che si trasferisce in uno strano palazzo a Brooklyn Heights.
Alison lentamente perde la sua presa sulla realtà, o c’è qualcosa di più sinistro nel palazzo in cui abita?
C’è qualcosa di molto sporco e inquietante in un sacco di film horror degli anni ’70. In genere, non sono tutti così violenti come i i film horror potevano già essere e soprattutto sono ora, ma spesso hanno un effetto di accaponamento della pelle che è attualmente assente nel genere. “Sentinel” è difatti scomodo per la maggior parte del suo tempo di durata. Dai vicini molto strani nel nuovo condominio di Alison, ai suoi ricordi terribili del passato, a un finale che proprio non ci si aspetterebbe, quasi ogni momento lascia davvero lo spettatore con i brividi.
Alcuni vicini di Alison sembrerebbero anche abbastanza normali, ma non lasciatevi ingannare.

vlcsnap00027l
“Sentinel” è come detto composto di un cast impressionante, tra cui Chris Sarandon, Burgess Meredith, Ava Gardner, Beverly D’Angelo, Jerry Orbach, Jeff Goldblum, e Christopher Walken, Josè Ferrer, Martin Balsam, Arthur Kennedy, Sylvia Miles, Deborah Raffin (anch’egli scomparsa da poco), Eli Wallach, Hank Garrett, un esordiente Tom Berenger, William Hickey, Robert Gerringer, la grande Nana Visitor, un giovane Jeff Goldblum, e mi fermo qui perchè ve ne sarebbero ancora altri .
Burgess Meredith interpreta Charles Chazen, un vicino di casa di Alison, che sembra essere alla testa dei folli abitanti del palazzo. C’è il prete cieco interpretato da John Carradine, che siede alla finestra e non lascia mai la sua stanza, e la coppia di lesbiche, tra cui Beverly D’Angelo, come Sandra, al primo piano. Credetemi, se questi fossero i vicini di casa, non si dovrebbe mai mettere il naso fuori dalla porta. Charles indice una festa di compleanno per il suo gatto, che è una specie di carino e inquietante al tempo stesso, e quando Alison va a presentarsi a Sandra e alla sua amica, Sandra comincia a fare qualcosa che nessuno si immaginerebbe qualcuno mai potrebbe fare soprattutto in salotto quando si hanno ospiti, ovvero masturbarsi davanti a lei, in una sequenza ancora oggi da vertigini. Questa è solo una delle cose “normali” che gli altri inquilini arrivano a fare.

sentinelmkvsnapshot0043
L’unico problema di cui soffre realmente il film è di un paio di sotto trame inutili. Alla fine l’efficacia della storia, non sarebbe cambiata in nulla, senza di loro. Sembra proprio come se del tempo sullo schermo venisse sprecato. E se taluni aspetti fossero stati esplorati meno, si sarebbe potuto aggiungere un po’ più di tenitura  alla storia generale. Invece, servono solo a distrarre da ciò che sta realmente accadendo. Questo potrebbe davvero essere il punto però. Potrai come spettatore trascorrere del tempo a pensare così tanto sulle motivazioni di ogni personaggio che il finale ti sembrerà  ancora di più sinistro e fuori di testa.
Non riesco neppure in questo momento a ricordare l’ultima volta che ho visto un film con un finale così pazzesco. E’ piena pura, estrema follia. Un flusso infinito di follia, ogni momento sulla base del precedente. E’ sporco, laido, inquietante e terrificante. E’ veramente qualcosa che poteva essere formulato e fuoriuscito unicamente da Winner e dagli anni ’70. Una scena  ne fu anche inserita tra i 100 momenti più spaventosi dei film, dalla rivista Brave, e non è difficile capire perché. La prima volta che vidi questo film in casa con la videocassetta, controllai dietro tutti i mobili e chiusi ben bene le porte. E nessuno certo andrà più ad una assurda festa di compleanno per un gatto se avrà mai visto prima questo film..

vlcsnap00020o

Academy of Science Fiction Film, Fantasy & Horror, Usa Anno 1978 Nominato al Saturn Award come Miglior Film Horror
Miglior Make-Up
Dick Smith
Miglior attore non protagonista
Burgess Meredith
Miglior sceneggiatura
Michael Winner
Jeffrey Konvitzvb

La Universal aveva sperato di far firmare come regista a Don Siegel, ma in ultima analisi, Siegel si è chiamato fuori a causa del suo disagio con questo genere particolare di film.

A Kate Jackson venne chiesto di interpretare Alison Parker, ma rifiutò la parte.

Il libro di poesie di Milton che ha nelle mani  il professor Ruzinsky e che passa a Lerman è stato curato da Maurice Kelley (1903-1996), una effettiva autorità su Milton.

Il Premio Oscar John Williams doveva originariamente comporre la musica. Tuttavia, quando Williams si è tirato indietro per lavorare su “Star Wars” di George Lucas , Michael Piccolo doveva poi esserne il sostituto. Piccolo alla fine è stato in grado di fare la colonna sonora che ha portato al Golden Globe il designato Gil Mellè, il quale ha composto una partitura agghiacciante che fonde gli elementi di Williams, Jerry Fileding, e James Horner.

Michael Winner ha scritto nelle sue memorie che avrebbe voluto per il ruolo di protagonista maschile Martin sheen, ma lo studio ha posto il veto dicendo che questi era un nome televisivo.

vlcsnap00013m

Cameo

Richard Dreyfuss : l’uomo con il maglione rosso che parla alla ragazza, la quale è Cristina Raines insieme a Deborah Raffin che stanno camminando sul marciapiede.

La video UK su etichetta CIC era la versione cinematografica originale. Più tardi  la versione sempre della Universal ma con rating di vietato ai minori di 15 anni su etichetta 4-Front è la versione pesantemente modificata per la TV USA. Il DVD del 2008 della Freemantle presenta la versione originale non modificata.
La versione cinematografica (e la versione in video negli Stati Uniti) ha scene che sono state rimosse o fortemente troncate  per la trasmissione sulla TV americana, a causa della nudità, del sesso, dell”uso di nani reali, di mutilati e persone altrimenti deformi e riferimenti presumibilmente profani alla Chiesa cattolica. Tra le scene ridotte o rimosse per la trasmissione sono state il primo tentativo di suicidio di Alison, il suo primo incontro con lo zombie del padre, e il suo tè con le vicine lesbiche. Alcune scene che sono state aggiunte per la versione televisiva includono una breve scena dopo il climax che mostra il detective Gatz e Rizzo arrivare alla casa arenaria la mattina dopo e vedere Padre Hallin che viene  portato via dai paramedici su una barella e di essere informati che è morto a causa di un attacco di cuore.
L’apertura originale del film, tra cui alcune inquadrature girate all’aperto nel nord Italia, implicava che le sentinelle erano controllate da un ordine della Chiesa cattolica. Queste scene sono stati sostituite nella versione trasmessa alla tv americana con nuove scene che coinvolgono lo stesso cast, ora descrivendo le sentinelle come servitori di un ordine di sacerdoti spretati e scomunicati, la “Fratellanza dei Protettori.” Nella versione televisiva, il personaggio di José Ferrer è un monsignore, invece di un cardinale, e ha più dialoghi.
Nella versione cinematografica, non vi è alcuna voce fuori campo nella scena finale mentre la cinepresa orbita attorno al nuovo Sentinel. L’effetto di Alison vista trasformata è sorprendente, inquietante e spaventoso. Per la versione TV, una voce fuori campo è stata aggiunta che diminuisce questo effetto implicando che Alison è molto più felice nella sua nuova vita di quanto non fosse prima.

Napoleone Wilson

Sentinel

Anno: 1977

Regia: Michael Winner

Cast: Chris Sarandon, Cristina Raines, Martin Balsam, Ava Gardner, Josè Ferrer, John Carradine, Eli Wallach, Tom Berenger, Jeff Goldblum, Christopher Walken, Burgess Meredith, Beverly D’Angelo

Durata: 90 min.

VHS: CIC VIDEO – VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

2103644_359x500

sentinelmovieposter

sentinelposter02