Tag

, , , , , , ,

vlcsnap2011030921h55m17

Avevamo lasciato praticamente morto il caro Terry O’Quinn (pugnalata al cuore, caduta rovinosa da una scala) alla fine del precedente film ed eccolo invece sano e salvo (come non si sa), con solo una leggera cicatrice al petto (che presto verrà dimenticata). Inizia non malissimo il secondo capitolo di The Stepfather con un omicidio abbastanza cruento in un manicomio, ma man mano che prosegue diventa evidente il cambio di regia a livello qualitativo. Se Joseph Ruben era stato abile a regalarci un thriller sempre calibrato nei suoi eccessi, così non fa Jeff Burr, regista altrove non male ma qui di una sciatteria indicibile. In più la sceneggiatura è di quanto peggio si potrebbe prospettare da un seguito: solo una carta carbone (sbiadita) del precedente.

vlcsnap2011030921h55m40

Non va bene quasi niente in The stepfather 2: quello che di buono c’era nel primo capitolo qui viene scimmiottato senza un’idea che sia una di suspense o di messa in scena dignitosa. Certo non tutto è da buttare soprattutto il finale divertente con la lotta feroce tra i due futuri sposi a base di coltellate e torte rovesciate, ma non basta a farci dimenticare la calma piatta precedente. Terry O’ Quinn è sempre grande, ma qui tende troppo a gigioneggiare con la presunzione di un caratterista promosso ad attore. Il suo patrigno è comunque un bel personaggio, dapprima pacato poi ferocissimo (come quando uccide a bottigliate Mitchell Laurance in una scena non male di morte), ma è anche un personaggio che comincia a stancare e che non è cresciuto dal film precedente. Certo ora finge di essere uno psicologo mentre prima era un venditore immobiliare, ma, a parte questo, ci troviamo davanti allo stesso psicopatico in un film che poteva o non poteva essere fatto e non ce ne saremmo forse neanche accorti.

vlcsnap2011030921h58m30

Eppure, come dicevamo all’inizio, Jeff Burr non è un cattivo regista: lo dimostrano il suo Non aprite quella porta 3 (di un anno dopo questo) e quel goiellino de Il villaggio delle streghe, horror a episodi con Karen Black e Vincent Price. Il cast però ha almeno due nomi interessanti oltre al già citato O’ Quinn: la bellissima Meg Foster dagli occhi glaciali e la Caroline Williams del barocco Texas Massacre 2 di Tobe Hooper. Lo splatter non è ostentato come si usava negli anni 80, ma questo non accresce il valore di un film troppo impersonale per entrare nella memoria dei fan e facilmente confondibile col primo capitolo. Guy Magar  saprà però fare peggio col terzo e ultimo capitolo della serie. Incredibile no?

Andrea Lanza

Stepfather II – Il patrigno 2

Titolo originale:  Stepfather II

Anno: 1989

Regia: Jeff Burr

Cast: Terry O’Quinn, Meg Foster, Caroline Williams, Jonathan Brandis, Michael Laurence

Durata: 90 min.

VHS: CDA (VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI – INEDITO CINEMATOGRAFICO)

stepfather-2 stepfather-22