Tag

, , , , , , , , ,

Sarà questo autunno grigio e freddo, sarà il buio denso e profondo che dalle nostre parti ingoia le vite dei cittadini troppo presto, sarà quel che sarà, (come cantava Tiziana Rivale), ma è tempo di una bella “vampirata” eh! Tra i mostri più amati e temuti dal grande pubblico, protagonisti di romanzi e film, di un culto da parte di tante persone, che per me sarebbe meglio indirizzare sui miei amatissimi licantropi.

Sai, fin dalle origini, le creature della notte, hanno esercitato un fascino ambiguo e particolare su migliaia di lettori e poi spettatori.

Hanno a che fare con la dannazione eterna, con la decadenza nobile, il romanticismo deviato, la sessualità e passione famelica, ( rammentiamo Lina Romay nel film di Jesus Franco “Un caldo corpo di femmina aka lady dracula aka la vampira), mentre gli zombi sono dei zozzoni proletari. Brutt e catiff, come si dice dalle mie parti!

800px-FrightNight-Amy

Terrore ed eccitazione, sono questi  i cardini del personaggio del succhiasangue.

Poi con il tempo è stato rielaborato, snaturato, modernizzato, omaggiato, come succede spesso alle icone.

Tra i tanti film di vampiri, quello che amo in modo particolare è senza ombra di dubbio : FRIGHT NIGHT,  titolo in rima per quel gioiellino che noi conosciamo come AMMAZZAVAMPIRI.

Non sono tipo che perda il suo tempo in celebrazioni nostalgiche e generazionali, solo per scusare critiche positivi a chiaviche inguardabili, non l’ho mai fatto e non lo farò. Però qui mi tocca parlare in termini quasi nostalgici.

FrightNight-DieRabenschwarzeNacht19

Te le ricordi le vacanze? Si, mi puoi dire: ” cazzo ne ho appena fatta una in agosto!” E no! Non vale! Io ti parlo delle tue vacanze da ragazzino. Non ti sembrava che avessero un altro sapore? Un’atmosfera diversa, non so.. Come se ci fosse della Magia. La Magia di non rompermi più i coglioni con i compiti, la scuola, quelle menate tipiche dell’età.

Avevo tanto tempo per leggere, scrivere, andare in montagna.  E poi alla sera , in tv, trovavi qualche pellicola per tenere compagnia alla granite, (grattachecca), e al caldo che lasciava posto alla notte.

Così una sera d’estate di oltre 20 anni fa,  mi imbatto in questa pellicola che mi avrebbe accompagnato per tutta la vita.

Charley è un ragazzo come tanti. Non è fico,ma nemmeno un caso umano e forse la cosa potrebbe esser anche peggiore. Classico fanciullo carino e nella media, pronto a una mediocre vita borghese. Ama i film horror e segue con passione il programma di Peter Vincent, una sorta di idolo del giovine.

fright_night_01

Una sera, mentre amoreggia con Amy – la sua ragazza-, nota alcuni individui che trasportano una bara nella casa accanto

Charlie pensa subito ai vampiri e avrà una conferma, quando vedrà il suo vicino di casa mordere il collo di un’avvenente fanciulla.

Iniziano i guai per te ! Eh,si caro mio. Mo voglio vedere chi crederà alla tua storia del vampiro! Forse…forse quel Peter Vincent!

Infatti il ragazzo va a chiedere il suo aiuto. Ma riceverà solo brutte parole da parte di un attore fallito che vivacchia facendo quella parte senza troppo amore.

Jerry, il vampiro vicino di casa , e Billy – l’aiutante umano- però vogliono eliminare il vicino impiccione, il quale seppure a malavoglia viene aiutato dall’amico Ed e dalla sua ragazza.

Qualcuno ci rimette, ( Ed), altri se la vedono bruttissima ( Amy, rapita e trasformata in una quasi vampira), ma alla fine Peter Vincent aiuterà il giovane eroe ad aver la meglio contro le creature della notte.

frightnight1985_11-7f1a0b61d30927825a1b382e3f086376c458ad73-s6-c30

Grandissima contaminazione di commedia, (a suo modo garbata, mai volgare e affettuosa nel descrivere dei giovani normali, come tanti. Anzi attraverso il personaggio di Ed si apre timidissimamente la strada verso un discorso sull’omosessualità, cosa che non avviene spesso), e horror che non si perde in squilibri fra genere,ma anzi mette in scena il meglio dei due filoni cinematografici.

C’è freschezza, inventiva,attenzione ed empatia per i personaggi, che entrano di diritto nel nostro immaginario collettivo. Tanto memorabile Chris Sarandon- fratello della meryl streep di scorta: Susan- quanto leggendario Roddy Macdowall nei panni di Peter Vincent.

Una pellicola che al contrario di altre ,a mio avviso, invecchia assai bene.  Ogni volta che la rivedo mi sento come un fanciullo, mi emoziono e faccio il tifo.

Un film che dopo tanto tempo rimane avvincente, convincente.

Tom Holland dopo questa pellicola avrebbe diretto un altro cult: Bambola Assassina, che lanciò il personaggio di Chucky, per poi sparire o quasi. Un peccato, un vero peccato.

Ammazzavampiri rimane una splendida pellicola, uno di quei film da far vedere a quei pistola mola dei nostri fratelli minori e costringerli con la forza e la violenza  a venerare, (che cazzo dici twilight eh! Beccati fright night..bitch please!).

Davide Viganò

Ammazzavampiri

Titolo originale: Fright night

Anno: 1985

Regia: Tom Holland

Cast: Chris Sarandon, William Ragsdale, Amanda Bearse, Roddy McDowall

Durata: 85 min.

fright-night-1985-poster fright_night_xlg