Tag

, ,

Il cult horror americano La notte dei demoni (1988) di Kevin S. Tenney, poco conosciuto in Italia, deve aver riscosso invece un gran successo in patria, visto che ne sono stati fatti due sequel. Nel 1994, Brian Trenchard-Smith diresse La notte dei demoni 2 (Night of the demons 2), proponendo una vicenda sostanzialmente identica alla precedente e in grado di regalare ancora un discreto intrattenimento. Ritorna il personaggio di Angela (Amelia Kincade), l’indemoniata del primo film, unica superstite che vive ancora all’interno della maledetta Hull House.

vlcsnap-8885138

Sono passati sei anni dal massacro e il demone continua a mietere vittime, come scopre a proprie spese la coppia che vediamo nel prologo. Fra gli studenti di un college circolano strane leggende riguardo a quanto accaduto, ma un gruppo di teenager decide di passarci la notte di Halloween, coinvolgendo suo malgrado anche Melissa, la sorella di Angela. Dopo una seduta spiritica, le sinistre presenze che aleggiano nella casa inducono i ragazzi a tornare alla festa della scuola, ma ormai il danno è fatto: un rossetto indemoniato (lo stesso che una ragazza si era infilata nel seno nel primo capitolo della saga) diffonde il contagio e trasforma i malcapitati in zombi sanguinari. Un esperto di occultismo, insieme alla suora e al prete che insegnano al college, tornano in Hull House per esorcizzare i demoni: il massacro continua.

1zlvt4n

Che dire? Più o meno quanto si è detto riguardo a La notte dei demoni: se visto con lo spirito giusto è un horror divertente, se invece si è in cerca di emozioni forti e prodotti raffinati bisogna sicuramente passare oltre. La notte dei demoni 2 è ancora puro cinema-fumetto destinato soprattutto a un pubblico di teenager: la trama è solo un pretesto, i dialoghi trascurabili e i protagonisti assolutamente stereotipati o sopra le righe (i soliti ragazzi e ragazze arrapati, con l’aggiunta della suora-guerriera); il punto di forza sono gli strabilianti effetti speciali in tipico stile eighties (pur essendo del 1994), a base di sangue finto e lattice.

nightofthedemons2_13

Le innovazioni principali rispetto al primo film sono due: lo sdoppiamento dell’unità di luogo e azione (Hull House e il college, col rischio di creare una storia un po’ farraginosa) e la contaminazione col tema dell’Esorcista (c’è anche una scena di vomito verde), anch’esso trattato però in maniera del tutto bizzarra e sopra le righe. Gli anni Ottanta hanno lasciato il segno anche nel cinema d’azione, e infatti i moderni esorcisti si preparano a combattere come Rambo: fucili ad acqua e palloncini riempiti di acqua santa, con tanto di preparazione accompagnata da note martellanti. L’estetica dei posseduti (a cominciare da Angela, regina della notte in stile dark-gothic) è pressappoco identica, chiaramente ispirata a La casa di Sam Raimi e forse anche a Demoni di Lamberto Bava (vedasi in particolare le zanne e i volti deformati con tanto lattice); così come squisitamente raimiana è la steadycam accelerata con cui l’entità maligna percorre le stanze della casa e raggiunge i malcapitati. Pur essendo un film degli anni Novanta, Night of the demons 2 vuole chiaramente riproporre le atmosfere del decennio precedente, compresa la commistione di sangue e umorismo macabro che a volte scade quasi nel demenziale.

nightofthedemons2_02

Effetti speciali e fotografia sono curati dagli stessi autori del capostipite, rispettivamente Steve Johnson e David Lewis. Gli FX sono uno spettacolo, sanguinari ed esagerati (forse ancora di più rispetto alla media). Dopo una partenza “classica” a base di splatter e bocche strappate a morsi, ecco il rossetto che prende vita come una sorta di serpente e si infila nelle parti basse di una teenager; i seni che si trasformano in due mani; la testa del demone che fuoriesce dal water; il ragazzo decapitato che palleggia con la propria testa; la ripugnante poltiglia in cui si sciolgono i demoni dopo essere stati colpiti con l’acqua santa; e, per concludere in grande, la rediviva Angela che diventa un enorme essere strisciante.

nightofthedemons2_01

Ripropongono l’atmosfera anni Ottanta anche la fotografia coloratissima e le musiche metal-dark di Jim Manzie.

L’ultima scena, in cui una ragazza ritrova il rossetto indemoniato, lascia presagire un ulteriore sequel, che infatti sarà realizzato nel 1997 (Night of the demons 3 di Jim Kaufman).

Davide Comotti

Night of the demons 2

Regia: Brian Trenchard-Smith

Interpreti: Cristi Harris, Darin Heames, Robert Jayne, Merle Kennedy

Durata: 80 min.

Inedito

NOTD2Cover 25u5mxe