Tag

, ,

Ah la serie B! Non quella onorevole, fatta di grandi caratteristi e gagliarde scene d’azione, ma quella più becera, dove tutto il divertimento risiede in quello che non si dovrebbe, per pudore, mai girare, interpretare o produrre. Comunque a questo giro siamo in pieno territorio bruttissimi, un po’ come quel ciclo di Odeon TV che presentava i film più scellerati mai girati, dove appunto Future force faceva la sua porca figura. A girare questa perla di miserabilità troviamo un mestierante sconosciuto ai più, David A. Prior, ma con il curriculum zeppo di titoli che spaziano dalla fantascienza all’action arrivando a sconfinare persino, come il recente Zombie war, nell’horror. Noi amanti dei filmozzi di serie B sappiamo che stiamo parlando di una dimensione più di pancia che di cervello: a sceneggiature scritte su un pezzettino di carta, ideate con la cura di una scoreggia, equivale a volte, per sconosciute leggi, una regia gagliarda piena di invenzioni visive, talmente azzardate da non trovare corrispondenza nella più impettita serie A. Si pensi ai vari Sam Firstenberg o Albert Pyun che sapevano sublimare un budget da terzo mondo con uno stile e una messa in scena da applauso a scena aperta, pur nell’assurdità di trame che portavano ninja a combattere contro vietcong crudelissimi.

david-a-prior-look

David A. Prior (5 Ottobre 1955 – 16 Agosto 2015)

Naturalmente ad ognuno di questi virtuosi mestieranti c’erano almeno una decina di perdigiorno che, al posto di ciondolare nei bar a parlare del Milan o della Juve davanti ad un bianchino, avevano pensato bene di improvvisarsi registi con risultati tra il disastroso e lo sciagurato. A questi apparteneva senza dubbio David A. Prior, stroncato nel 2015 da un’infarto ad appena 59 anni, che pure un film interessante con Pamela Anderson l’aveva fatto, nei limiti di un film con Pamela Anderson ovviamente. Beh lui delle sacrosante regole della cinematografia se ne fregava: prendeva la macchina da presa e la posizionava in un angolo a caso, poi girava. Ovvio che poi il complimento più efficace sia che i suoi film, pur con esplosioni e sparatorie, appaiono “televisivi”, con l’accezione più negativa di questo termine. Qui David A. Prior è alle prese con una storia che si vuole fantascientifica ma che di fantascienza, a parte un braccio da cyborg indossato dal protagonista e di un improvvisato viaggio nel tempo, poco ha. Si pensa di saccheggiare Terminator di James Cameron e rimpolparlo con una storia tipica da poliziesco con la caccia ad una gang di spacciatori da parte di un poliziotto del futuro. Nel cast di attori senza arte ne parte, spicca lui, David Carradine, in un’interpretazione divertita di uno sbirro bastardissimo che prima di uccidere i cattivi sentenzia “Avete il diritto di morire, se non l’accettate verrete arrestati”.

2

Peccato che il regista butti alle ortiche il contesto da western post-atomico, con la polizia che indossa cinturoni come i cowboy e riscuote taglie sulla cattura dei criminali “vivi o morti” portati in centrale. Tutto quello che di buono ci poteva essere nella storia rimane nella superficie, senza essere mai approfondito, così da non fare mai appassionare lo spettatore alle vicende di eroi senza un background sufficiente a farli amare. Anche le sacrosante regole dell’exploitation non vengono rispettate, e qui c’è da mettersi le mani nei capelli: niente femmine avvenenti ma attempate tardone, affiancano David Carradine, con l’aggravante di biancheria intima leopardata sfoggiata da queste nonne con la cellulite. Future force è un film che inscena le sparatorie nel giardino di casa del regista, che inventa ribaltoni di sceneggiatura con la sapienza di un Pierino la peste, e, che per leggi assurde del Signore, alla fine risulta pure divertente. In fondo è per questo che ne abbiamo parlato qui: non si sta affrontando buon cinema, ma cinema popolare, nella sua variante stavolta più scalcagnata. Future force con la sua regia incerta, con la sua storia sbilenca, la recitazione stanca riesce a strappare più di una risata e la poltrona, che dovrebbe essere la compagna di un’atrocità cinematografica, diventa quasi comoda. Di certo non un film da consigliare, ma che, magari visto in un double-feature con il seguito Future zone, potrebbe scoprirsi un guilty pleasure. Certo che a pensare ad un poliziesco dove il compagno di Carradine è vestito come un George Michael ribelle è quasi genio…

Andrea Lanza

Future force

Anno: 1989

Regia: David A. Prior

Interpreti: David Carradine, John Tucker, Robert Tessier, Anna Rapagna, William Zipp, Patrick Culliton, Dawn Wildsmith, D.C. Douglas, Kimberley Casey, August Winters, John Cianetti, Brian O’Connor, Don Scribner, Blair Presser, Clement Blake, Judy Styres, John G. Palombi, Scott Preston, Gunner Johnson, Phillip E. Riley

Durata: 90 min.

MV5BMmNhYWRhOGItZWMyMS00YzFjLWIyOTEtYzZjNDBhNGU1NzRjXkEyXkFqcGdeQXVyMTQ2MjQyNDc@._V1_8794323ae5aa40771f69ffef7b29c890_orig51yAQXkr7NL._SY445_