Tag

, , ,

Il giovane Ted Barnes si accorge della sua straordinaria somiglianza con un quadro dell’artista Arlene Bellings ritraente un uomo. A poco a poco scoprirà che la pittrice è la madre mai conosciuta e desiderosa di riallacciare i rapporti con lui. Perfetto? Quasi perché la donna non lo vede come il figlio ma come la reincarnazione del marito e ha il pessimo vizio di uccidere ogni ostacolo alla sua felicità, a cominciare dalla moglie di Ted.

badblood1

Chuck Vincent è stato uno dei pochi registi hardcore che ha saputo farsi notare anche per prodotti non pornografici.

Autore di più di 50 film, a fine anni 70, Vincent gira una serie di commedie scollacciate per poi buttarsi su un pugnetto di thriller horror, poverissimi ma baciati da una regia inventiva.

badblood9

Bad blood è uno di questi,  il suo miglior lavoro fuori dall’hardcore con  Follia! del 1987.

Diciamo subito che la recitazione del cast non è il punto forte di quest’opera: se si esclude una gigantesca Georgina Spelvin, il resto degli interpreti è da manette ai polsi, Linda Blair compresa. Bad blood è un film costruito proprio per lei, la Spelvin, l’ex Miss Jones con il diavolo tra le cosce di Gerard Damiano, 53 anni, è la Gloria Swanson di Viale del tramonto, la diva pazza di un tempo (e di un cinema) lontano.

badblood3

Pessimi attori

La sceneggiatura di Craig Horrall, scrittore di fiducia e compagno del regista, spinge il pedale dell’estremo con violenze insostenibili (le dita dei piedi del protagonista spezzate lentamente dalla Spelvin mentre canticchia la filastrocca “I cinque porcellini“) e soprattutto scene di sesso morbose (l’incesto madre e figlio). Si può dire che il plot mischi, non senza abilità,  il Billy Wilder di Sunset Boulevard con il cinema di Alfred Hitchcock, ma non solo perché, ad un certo punto, fa capolino pure Stephen King e il suo Misery non ancora trasposto su grande schermo.

badblood14

Cinque porcellini andavano al mercato….

Bad blood è un film pazzo, sicuramente miserabile per location spoglie e decadenti, ma anche un thriller mirabilmente girato, inventivo nelle scelte stilistiche e dal grandissimo ritmo. Chuck Vincent gira un omicidio al rallenti di quasi 3 minuti dove il mondo sembra impazzito all’interno di un acquario, dove le coltellate vengono sferzate con una lentezza insostenibile mentre il coltello si colora di rosso sangue. Sembra quasi di essere davanti ad un proto Zack Snyder uscito pazzo per i thriller! Il regista poi ci regala anche un’altra perla: come un Brian De Palma sotto acido, gira un’incredibile sequenza in split screen dove esterno e interno coincidono, dove gli ambienti vengono azzerati in uno solo, e l’occhio dello spettatore diventa, mirabile dictu, l’occhio onnisciente di Dio.

badblood18

Split screen

Georgina Spelvin è perfetta anche quando eccede, si muove come un dinosauro di una vecchia era tra attori decaduti e decadenti del cinema, da una Linda Blair in stato comatoso ad un inebetito Randy Spears, fuori luogo senza le sue penetrazioni da film hardcore. Ci sono poi le apparizioni necrofile di Veronica Hart, ex star del porno, dell’agghiacciante prezzemolina Christina Veronica, dritta dritta da Il duro del Road house, e di comprimari mai divi come il Troy Donahue di Scandalo al sole che lo stesso anno interpreterà l’orripilante The chiller, sempre con la nostra figlia di Pazuzu preferita.

bad-blood-1989-linda-blair

Linda “nonhovogliadirecitarebene” Blair

Tra l’altro Linda, da vera stakanovista, nel 1989 è interprete di ben 6 film e un episodio di una serie tv, Monsters. Inutile dire che, pur strillata nei cartelloni come protagonista, è presente solo nella prima parte dell’opera. Meglio comunque di altre sue pellicole dello stesso periodo, tipo Bersaglio in autostrada, dove sparisce senza motivo per tre quarti della vicenda. Le bollette, si sa, non sono a buon mercato e anche lei deve pagarle!

badblood11

Bad blood è un film che fa respirare allo spettatore un’aria incredibilmente malsana, dalle grandissime partiture musicali, cattivo come solo un B movie con idee e zero soldi può essere, una perla sicuramente da recuperare.

badblood13

In Italia, a differenza di altri film del regista come Follia! o Puzzle insanguinato, non si è mai visto, anche se nessun’opera di Chuck Vincent, nel nostro Paese, è uscita mai in dvd.

bad-blood-1989-georgina-spelvin

Mamma dalle belle bocce

Il regista continuerà a fare film, commedie per di più sciocche e scollacciate, fino al 1990: l’anno dopo l’Aids lo stroncherà a soli 51 anni. E’ il 23 Settembre 1991, pochi mesi prima Craig Horrall, l’amore di una vita, se n’era andato, a 36 anni, per la stessa stronza malattia.

Andrea Lanza

Bad Blood

Anno: 1989

Regia: Chuck Vincent

Interpreti: Ruth Raymond (Georgina Spelvin), Gregory Patrick (Randy Spears), Linda Blair, Troy Donahue, Carolyn Van Bellinghen, Wanda-Gayle Logan, Marion Backman, Haskell Phillips, Frank Stewart, Miriam Zucker, Christina Veronica, Harvey Siegel, Scott Baker, Veronica Hart, Tony Gigante

Note: conosciuto anche come “A Woman Obsessed” e “A Woman’s Obsession”.

Durata: 90 min.

bad-blood-1989-horror-movie-film-chuck-vincentbad-blood-british-vhsbadbloodpost