Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Kevin, Scott, Stan, Fred sono quattro amici, che hanno fatto insieme il liceo e, sempre insieme, vivono la vita goliardica, spensierata e lontana da ogni problema che non sia di divertimento. Finché un giorno la sorella minore di Kevin, Tiffany, resta vittima insieme con il suo accompagnatore di una banda di teppisti; il giovane muore, Tiffany viene brutalmente seviziata e violentata, per morire anche lei dopo un breve quanto inutile ricovero in ospedale, Kevin sembra impazzire, tanto più perché non riesce a giustificare l’atteggiamento di suo padre, poliziotto, che sembra starsene con le mani in mano. Con i suoi tre amici, ai quali si aggiunge George, comincia una serie di indagini private, durante le quali riesce a sapere quale sia la “banda” responsabile del massacro. Di fronte a quella che lui giudica inerzia da parte della polizia, Kevin convince gli amici che è necessario fare giustizia da soli: così i cinque ragazzi cominciano a battere di notte le strade della cittadina, alla ricerca dei teppisti.

vlcsnap-2018-03-21-18h33m31s457

Lawrence David Foldes è stato un carneade del cinema di genere americano. I suoi lavori passano con disinvoltura dall’horror (La collina dei morti viventi) all’action (Tuono rosso e Nightforce) fino a toccare la commedia sentimentale e il dramma (Non dite a mamma che lo sposoFinding Home), quasi sempre con risultati tra il mediocre e il pessimo. Dal 2003 fortunatamente si ritira dalle scene: un sospiro di sollievo per tutti gli amanti del cinema.

vlcsnap-2018-03-21-18h23m14s485

I vendicatori della notte è sicuramente la sua opera migliore, non esente però da tutta quella superficialità registica e dalla  pochezza narrativa che i lavori di Foldes posseggono come firma d’autore.

Si parte bene, non benissimo, ma i toni cupi ci sono: una ragazza viene brutalmente violentata da un branco di assassini stupratori (il suo ragazzo, o quasi, è stato bruciato vivo dagli stessi) mentre il capobranco ordina serioso “Riempitela di carne”. Trucidissimo e abbastanza efficace con dei cattivi che sono figure archetipiche, avanzi di galera senza sfumature, che fanno male solo perché sono malvagi. Peccato però: se I vendicatori della notte fosse stato diretto da un Winner o da un Lusting sarebbe scattato l’applauso a scena aperta, ma la regia di Foldes è terribilmente distratta. In più lo stupro della ragazza, anche per colpa della pessima performance dell’attrice, è senza quei picchi drammatici che ci aspetteremmo.

vlcsnap-2018-03-21-18h22m57s326

L’eroe

Ma vi ricordate la violenza ai danni di Linnea Quigley nel magnifico Savage streets? O ancora quando la figlia autistica di Charlie Bronson viene abusata nell’immenso Death wish II? Lì ti faceva incazzare, magari distoglievi lo sguardo e quindi, quando avveniva la giusta vendetta, eri dalla parte del protagonista o della Linda Blair dagli occhi di brace.

In più I violentatori della notte, in originale Young warriors o The Graduates of Malibu High, è una tra le più sconosciute produzioni Canon, la casa che noi, amanti del B movie action, amiamo come il Vangelo per un chierichetto. D’altronde come si può voler male a chi ha infiammato i nostri animi adolescenziali con strafigate uniche al pari di Rombo di tuono, I cacciatori della notte, Cobra o American ninja?

vlcsnap-2018-03-21-18h31m11s327

chi si mette degli occhiali da sole
per avere più carisma e sintomatico mistero

Qui si tenta il matrimonio impossibile tra la commedia goliardica maliziosa alla Porky’s con il filone de Il giustiziere della notte: una follia suicida sulla carta. Appunto.

vlcsnap-2018-03-21-18h31m53s980

Quello che non convince assolutamente nella sceneggiatura di Lawrence David FoldesRussell W. Colgin è il concentrarsi solo sul protagonista, i suoi drammi interiori e la rabbia repressa, rendendo tutto il resto, dagli amici, alla ragazza, ai professori, agli stessi villain, solo meri comprimari a fare da corollario alla vicenda, carne da macellare, da sacrificare o da dimenticare. Il problema è che la psicologia del nostro Kevin Carrigan, interpretato dal terribile James Van Patten, è trattata con troppa superficialità: sbraita, si incazza, picchia i piedi per terra manco fosse un bambino di tre anni al quale hanno negato le caramelle. I professori lo chiamano “psicopatico”, i compagni di università lo trattano come un picchiatello quando presenta i suoi atroci lavori di velleità artistica, cartoni animati psichedelici, la sua ragazza, fighissima, vorrebbe farselo ma lui no, lui si fa le prostitute chiamandole però come la fidanzata: i segnali che non sia giusto “di capa” ci sono tutti, quindi che ci sorprendiamo a fare quando prende in mano un uzi e, con la scusa della giustizia, massacra due ragazzine che stavano svaligiando, con pistole giocattolo, un drugstore?

vlcsnap-2018-03-21-18h24m31s152

I vendicatori della notte inizia anche bene, la parte da college movie è spigliata, quella di vendetta carina, ma poi, ad un certo punto, Foldes, mannaggia a lui, si mette a fare la morale, come un vecchio rompicoglioni, perché non ci sta a girare il solito action fascista e quindi giù di frasi come “La violenza genera altra violenza” quasi fossimo in Roma violenta di Martinelli. Ecco che Lawrence nostro deve farci vedere che le azioni di questi giovani giustizieri non sono fighe, ragazzi non emulatele, perché questi bamboccioni uccidono innoncenti, le vittime non li ringraziano nemmeno, vestono come un coglione un povero cane per poi farlo trucidare, altro che mascotte, e alla fine o finiscono uccisi male rimpiangendo i giorni del liceo o si fanno saltare in aria. Foldes non è un festaiolo, lui è il rompicazzo che, quando tutti fanno baldoria e forse si scopa, dice “Intanto i bambini del Biafra muoiono di fame“, checcazzo, Lawrence, mi sa che torno a casa.

vlcsnap-2018-03-21-18h30m17s060

I bambini del Biafra perdioooooooooooooooooo

I vendicatori della notte è un film detestabile, pedante, poco divertente e con il peggior cast di attori che un B movie d’azione potrebbe avere: interpreti poco carismatici, cagneschi, che quasi quasi parteggi quando muoiono sputando sangue. Oltretutto la maggior parte di loro sono parenti, figli, fratelli di qualcuno di più famoso: da Mike NorrisJames Van Patten, una ciurma di perdigiorno infilati a forza con raccomandazioni in un film.

vlcsnap-2018-03-21-18h32m33s112

Lo faremo quel viaggio, amico?

Per fortuna però fanno capolino l’immenso Ernest Borgnine che, sarà anche a fine carriera, ma fa la figura del leone, e il sempre mitico Richard Roundtree, lo Shaft del nostro cuore, l’unico tra l’altro che continua a ripetere che il picchiatello giustiziere sarebbe un buon poliziotto mentre tutta la gente lo guarda atterrita “Ma che cazzo dici?”.

vlcsnap-2018-03-21-18h28m40s572

Sul piano voyeristico poco o nulla, ma almeno abbiamo una bellissima Anne Lockhart che si che spoglia mostrando un sedere da urlo e due tette da Osanna nell’alto dei cieli. Fa capolino anche una sobrissima Linnea Quigley  in un ruolo di poco conto e per di più senza mostrarsi né nuda né urlante, quindi uno spreco, la cifra stilistica di questo action.

Che dire di un film d’azione che conta oltretutto un inseguimento insulso e alcune tra le peggiori sparatorie del cinema di serie B americano? Nulla se non ringraziare che in dvd non sia mai uscito e presto le vhs ammuffiranno.

vlcsnap-2018-03-21-18h23m58s317

Buuuuucio de culo!

In America, ricorda il New York Times, sembra essere comunque piaciuto alla sua uscita, nel Novembre del 1983:

Il pubblico al teatro Rivoli ha salutato questa pellicola con grandi applausi“.

Stendiamo un velo sulla pretestuosa dedica iniziale a King Vidor.

Andrea Lanza

I vendicatori della notte

Titolo originale: Young Warriors

Anno: 1983

Regia: Lawrence David Foldes

Interpreti: Ernest Borgnine, Richard Roundtree, Lynda Day George, James Van Patten, Anne Lockhart, Tom Reilly, Ed De Stefane, Mike Norris, Dick Shawn, Linnea Quigley, John Alden, Britt Helfer, Don Hepner, April Dawn, Nels Van Patten 

Conosciuto anche come The Graduates of Malibu High

VHS: MULTIVISION

young-warriors-original-uk-quad-poster-ernest-borgnine-motorbike-art-83-1285-pyoung_warriors_poster_01bed343578ad73059de82776d9ba97787--warriors